Pinocchio

PINOCCHIO

Collettiva d’Arte

Il Centro Museale d’Arte Contemporanea “QuARTissimo” riprende, nella propria sede nel centro storico di Quartu Sant’Elena (Via Verga 8-10 ), l’attività espositiva con una mostra dal titolo “Pinocchio”. L’esposizione è composta da circa 120 opere, realizzate con tecniche artistiche diverse e dalle dimensioni uguali per tutti cm. 30x30. Partecipano a questa nuova iniziativa artisti che operano in varie località della Sardegna: Angela Carone, Massimo Corazza, Marie Corte, Sandro Giordano, Gruppo pittura a olio S.Caterina, Fabrizio Antonio Ibba, Giorgia Loi, Anna Marchi, Diego Mocci, Anna Maria Pisano.
“…una fusione di tecniche e materiali che galleggiano, sopra fiumi di parole.”
“Ogni disavventura e ogni sentimento del burattino Pinocchio, ci appartiene ancor prima di ritrovarli fra le righe.”
“Nove tavole da dipingere su Pinocchio...una sfida che ho raccolto inseguendo i miei ricordi, man mano che abbozzavo i disegni.”
"Il mio pinocchio rispecchia le nuove generazioni di giovani e bambini.”
“Ed ecco le mie nove opere in omaggio a Pinocchio, che non parlano di un burattino, ma di una persona che vuole salvarsi. In qualche modo. Senza rinunciare alla sua anima e ai suoi sogni.”

Inaugurazione: venerdì 21 novembre 2014 ore 18:00

A Cura di: Andrea Gennaro Aversano

Periodo mostra: dal 21 novembre 2014 al 08 dicembre 2014


La mostra su Pinocchio rientra nei programmi espositivi che il Centro museale QuARTissimo ha sviluppato per il biennio 2014-2015; infatti già in questi giorni, con largo anticipo, alcuni artisti sono stati invitati a creare un’opera basandosi su un nuovo tema dal titolo “Il Corpo e la Luce”

La scelta di proporre le Avventure di Pinocchio a un numero limitato e selezionato di autori, è nata nel vedere come dalla fine dell’Ottocento ai nostri giorni tantissimi artisti si sono cimentati con illustrazioni e produzioni teatrali e cinematografiche al testo del fiorentino Carlo Collodi (1826-1890) facendo conoscere le avventure di questo burattino in tutti i paesi del mondo. Naturalmente anche gli artisti che hanno risposto alla mia curatela sono rimasti affascinati dalle peripezie che hanno segnato la tras-formazione, quasi di natura alchemica, da burattino a umano del simpatico e problematico Pinocchio.

Come di consuetudine per gli artisti che onorano con la loro partecipazione il Centro museale QuARTissimo non è stato imposto nessun limite legato a tecnica o immagine, salvo l’imperativa richiesta di presentare un’opera inedita e realizzata nei formati stabiliti ( 9 tele di cm.30x30 cd.)

 
 
                                                                                                        

Andrea Gennaro Aversano



Il nostro pinocchiesco mondo
 
 

                                                 “ Il leone e il vitello giaceranno insieme,

                                         ma il vitello dormirà ben poco”

                                                                                                Woody Allen

 
 

Pinocchio e il suo mondo non ci stanca mai di rivelarci se stesso, la vita. Si ritorna con lui ragazzi per ridiventare grandi e di nuovo bambini e si perde la crosta pesante dell'età. Pinocchio che afferma: “l'unica costante è l'autenticità” e,-parola di clown di San Francisco- “ i ragazzi sono il pubblico più difficile che esista. Per farli ridere devi essere autentico e mettercela tutta. “L'autenticità non è negoziabile! Questo è cio che vive e ci fa vivere il burattino in maniera ludico-gioiosa e impegnata. L'adulto si sente con lui ragazzo! Questo è il pregio primario della mostra pittorica collettiva che sprigiona buonumore e frizzi gioiosi frutto di un lavoro sinergico di scambio e reciproci intenti culturali. Pinocchio è il protagonista di opere tra olio, china e acrilico, mentore di sempre e per sempre coi suoi segreti e la sua ingenuità. Con la sorpresa costante della bugia per la verità, metafora -la prima- per rivelare amare certezze, tristi malinconie, traumatici passaggi iniziatici, faticosi e inaccettabili abbandoni, difficili e incontrollabili debolezze. Gli artisti in mostra tutto questo lo sanno bene! Lo accettano! e c'è chi, con armonici e pastosi cromatismi, rivela la costante dell'imprevedibile “leggerezza dell'essere piccoli in un mondo piccolo”, chi, nella durezza del tratto, ne marca il difficile percorso burattinesco, chi, nella simbolica composizione di forme, tratti e aguzze geometrie non celate, ne traccia il curriculum vitae fatto di plurivoci momenti e attimi che hanno lasciato lettore e protagonista della storia col fiato sospeso e sempre in bilico con gli esami della vita e gli appuntamenti con le prove sulla morte alla quale entrambi cercano di scampare sincronicamente.

 Il tutto rappresentato figurativamente in un lessico “pinocchiesco” proprio di ogni artista presente in mostra da F.Secci a A.Marchi, da S.Giordano a G.Loi, da A.Carone a M.Corazza, da M.Corte al Gruppo pittura a olio S.Caterina, da F.Ibba a D.Mocci e A.M.Pisano con una libertà espressiva che è la nota dominante di ognuno nel rispetto di quella cifra e registro collodiano che non stanca mai ma piuttosto vicino sempre a un certo languido ritorno e approdo alla poesia che tutto svela e giustifica. Tutto! La scelta delle sequenze, le immagini, le scene sono appuntamenti opportunamente selezionati da artisti che hanno colto con luci e ombre, simbolici rimandi ed echi esistenziali, tranches di una storia nella quale ciascuno di noi ritrova se stesso scoprendo di essere stato bambino. Artisti filologi collodiani che interpretano, ancora nel 2014, se stessi , cioè la loro arte pittorica e, attraverso i tratti favolistici, le voci lontane di una storia ricca di richiami allusivi che il tratto e il taglio personale rende oltremodo vivo l'interesse.

 
 
Caterina Spiga

 
 
 
The actual wrist watches tend to be produced in higher quantities these people take advantage of affordable materials in order to replica watches uk. The actual wrist watches tend to be associated with top quality as well as long lasting. They may be put on in order to enhance any kind of ensemble. Along with intro associated with tag heuer replica uk on the market, folks are permitted to possess wrist watches to match their own whole ensemble. Whilst purchasing inexpensive wrist watches, particular elements have to be regarded as. Look for the actual rolex replica uk from the straps. Look for the actual sturdiness associated with additional items within the view as well as examine in the event that they may be changed whenever needed. Following arrives how big the actual call or even the actual hublot replica encounter, it ought to be from the correct dimension to match your arm. It's insufficient that you simply purchase a personal device with regard to interpersonal satisfaction.